Per contattarci, fare clic su Tèmi scientifici
Home

Per contattarci

La libertà è in Canaan

L’Effetto Boomerang

La vita nasce della conoscenza

Scopo: L'equilibrio

La transizione riuscita

Francia e Dio


Andare sul nostro blog

Leggere con musica

Altri temi spirituali

Scienza e Fede


Siti Amici

Capitolo precedente Home page del libretto Capitolo seguente

LA TRANSIZIONE RIUSCITA


6 - La liberazione della donna e della Chiesa


Se oggi è fondamentale il buon uso della vocazione di ciascuno, per arrivare a riscrivere la mente nella natura dello Spirito Santo, una volta che entrambi saranno riscritti da Cristo nella natura divina, non ci sarà né uomo né donna custode di questi valori, poiché il sistema emozionale di ciascuno sarà riscritto a immagine di quello di Gesù sulla terra, qualunque sia la sua genetica. Per questo non dobbiamo fissarci sul nome che abbiamo dato alle famiglie emozionale XX e XY, perché se rappresentano geneticamente il femminile e il maschile, rappresentano emozionalmente solo la maggior parte dei soggetti strutturati su una stessa modalità di percezione del proprio logica iniziale sotto tutela, collocata nei neuroni vicini al cuore di ogni essere umano dalla sua procreazione.

Se abbiamo quindi visto come l'uso di un modo di funzionamento per amore, doveva portare i mariti XY a rifocalizzarsi sulla Parola di Dio per aprire a Gesù il diritto di riscrivere sui propri sentimenti, essendo molto presente il rispetto per la genetica nella donna, dalla personalizzazione della sua mente, richiede molto di più la fiducia nel rispetta di tutti i punti, che il desiderio di superarli. La costruzione emozionale iniziale del marito pone molto più rispetto delle regole divine a livello del suo apprendimento e quindi dei suoi sentimenti in una dimensione rivale con suoi desideri, mentre la quota dei desideri della moglie è posta al livello dello spirito su che riposa tutti i suoi sentimenti, con la paura di andare oltre i propri limiti. Se dunque la moglie non è esente da errori carnali, dato che la mente iniziale la limita maggiormente al rispetto della sua genetica, gli errori dei suoi sentimenti si situano più in concessioni contro le sue giuste percezioni dello spirito iniziale, incoraggiando a superare le sue regole di sopravvivenza per sé e per amore dei suoi discendenti. Questo è il contrario della generalità dei mariti che facilmente concordano con i loro desideri, per mancanza di percezione di questo spirito. Le paure di non rispetto per la sua genetica sono quindi più profonde e immutabili nelle donne, lo che lascia ai suoi sentimenti meno latitudine ai desideri di uscire da quella che abbiamo chiamato "controllo parentale", poiché ella stessa si sente in armonia emozionale, quando dà semplicemente ragione alla sua logica iniziale, anche se i fini dell'azione che ne emergono devono essere coperti dall'opera di Gesù sulla Croce, a causa della loro natura iniziale, come egli è per lo sposo.

Se, proprio come per il marito, il suo cervello ha quindi applicato questi famosi coefficienti correttivi al suo amore egocentrico, per renderlo più simile all'Amore divino, laddove si trattava per il marito, di non dare ragione ai suoi desideri, è per la donna non essere d'accordo con le sue concessioni. Questo è anche il motivo per cui il desiderio di vera liberazione nelle donne o in qualsiasi altra struttura sociale XX, deve passare attraverso un risultato migliore del suo complemento XY, per fargli desiderare di applicare meglio le proprie basi, che siano della donna, della chiesa o di Israele.

Questa liberazione richiede dunque ancora una volta una chiamata divina, che non sarà misurata esternamente dal successo sociale della coppia, perché Dio misura nel segreto, secondo l'Amore divino nel cuore. Come abbiamo accennato nel paragrafo precedente, è solo una volta che il marito ha raggiunto una stabilità emozionale costruita su questo Amore divino, almeno pari a quella della moglie nella giusta correzione del suo amore egocentrico, che Dio può trasferire all'uomo la responsabilità di custode dei valori divini fino ad allora affidata a ella. Ciò non significa quindi che avrà ricevuto la corona già su questa terra in quel momento, ma che la coppia avrà necessariamente quote di Amore divino da conquistare, se non altro quello di vincere la tentazione di rimanere in umiltà dopo questo cambio di protocollo, proprio come Gesù fu tentato.

Nessuno dovrebbe mai dimenticare che Gesù fu tentato ed è per questo che colui riceve la corona già su questa terra, come sarà il caso della Chiesa di Filadelfia, deve essere consapevole che le sue assoluzioni non saranno definitive fino al giorno del suo incontro con Cristo in cielo.

Se ad ogni vittoria contro questo "controllo parentale" la conquista di Canaan è un intervento di natura divina, è tuttavia legata a tutta la nostra volontà di usare il nostro libero arbitrio per aprire le porte alla natura di Cristo e se è così a livello individuale, non è diverso a livello collettivo. Quella che comunemente viene chiamata coscienza collettiva, non è quella che è presente nella nostra genetica, perché è l'interpretazione e la sintesi della memoria acquisita collettivamente nel tempo, con tutti i suoi errori e superstizioni legati alle nostre paure o alle nostre glorie in relazione a i tempi in questione. Ecco perché, col fine di togliere ogni ambiguità, dobbiamo guardare a che ora siamo, per capire perché Gesù non vuole più solo tenerci fuori dei dretti represivi dalla tutela di Satana, con il semplice atto di coprire i nostri peccati, come era fin dalla Crocifissione, ma vuole portare tutti alla riscrittura del suo spirito, per renderci perfettamente simili a Lui.

Siamo oggi al incrocio delle strade e se possiamo renderci conto da soli in che tempi stiamo vivendo, dobbiamo guardare a Israele, se vogliamo avere conferma di alcune delle affermazioni che abbiamo usato. Se la base di riferimento in cui abbiamo collocato la donna nella coppia, in relazione a quella parte del popolo ebraico che vive a est del Giordano, che è servita da sostegno a coloro che erano chiamati ad entrare in Canaan, dal 1948, affinché il marito, o qualsiasi altro XY, può resistere alla tutela di Satana, questa linea di base non è più a est del Giordano, l'attuale Giordania, ma a Canaan, la terra santa. La base di riferimento avendo cambiato di posizione, la meta spirituale da raggiungere si è quindi evoluta anche. Il nuovo punto di partenza è proprio in questa resistenza alla tutela di Satana, nella santità più grande possibile, acquisita umanamente sotto la guida dello Spirito Santo, sui valori della Canaan di ieri, perché il nostro "Canaan"  di oggi possa essere nella conquista dell'Amore divino che viene a cancellare questo "controllo parentale" che Gesù aveva fino allora a coprire.

Capitolo seguente Su

Proprio come le due tribù e mezzo si stabilirono rapidamente a est del Giordano, il sostegno del Signore a Israele nel 1967 segna la fine dell'insediamento del Suo popolo, come base per le nazioni cristiane, chiamate da allora a produrre una gestione per amore e non più per dominio, senza per questo allontanarsi dai valori divini. È anche in questo che troviamo questa ondata di "peace and love" che ha travolto il mondo nel 1967 e nel 1968, e che ha poi segnato questo cambiamento di modalità operative, ma anche un degrado del rispetto dei valori divini nelle nostre società occidentali, proprio come fu ad Ai dopo Gerico, a causa di mancanza di rispetto dell'interdetto del Signore.

È anche per questo che da diversi decenni siamo entrati in un frenetico liberalismo, nato in questo periodo dell'ideologia del "Peace and love", attraverso il quale le droghe e tante altre eresie carnali hanno contribuito alla perdita dei limiti dei genitori nelle nuove generazioni. Questa sincerità del "Peace and love" ha portato al divieto di sopprimere i desideri dei bambini, in modo che potessero esprimersi, da cui è emerso un sistema dominante. L'eccesso di apprendimento, fatto a scapito dell'educazione e della potestà genitoriale, sulla logica ancora carnale dei bambini, li ha portati a presunzioni utopiche, derivanti dall'impatto dei videogiochi e di tutta la chimerica virtualità, da cui ora traggono il loro bene e la loro gloria, ma anche la mancanza di rispetto della società e quella della parola di Dio. È stato stabilito un desiderio di disobbedire a qualsiasi forma di regole, o istituzioni che le rappresentano, e tenta di bloccare la strada ai veri obiettivi di Dio, che l'ex tutore accumula a suo beneficio nelle nostre società occidentali.

Così come era a Gerico ed è con il marito nella coppia, quando le sue barriere si aprono e i suoi vecchi "coefficienti correttivi" cadono, allora tutto sembrò facile nel mondo di allora, tranne che il risultato non essendo secondo il parola di Dio, il risveglio è difficile oggi, di fronte alle ondate di complotti, ma anche di fondamentalismi di ogni genere.

La nostra Canaan di oggi si trova solo sulla base della Canaan antica e non su qualsiasi altro valore utopico dell'amore umano egocentrico ed è anche per questo che è essenziale la spiritualità delle donne e della Chiesa, posta sui valori di Israele, perché ogni dispensa divina non è data per rimuovere le vecchie basi, ma per consentire il loro reale compimento. Non forniscono il modo di operare da seguire, come sarebbe stato prima del 1968, ma il risultato da ottenere per amore, senza allontanarsi dai precetti divini.

Oggi siamo entrati nella conquista della loro Canaan da parte delle nazioni cristiane, che corrisponde ad una gestione per amore, complementare a Israele e se questo comportamento del "Peace and Love" non era più giusto di Acan a Gerico, sono i cattivi risultati di queste ideologie che devono portarci a ricentrare questo amore sui valori divini in Gesù Cristo. Non dobbiamo stancarci di questo nuovo modo di fuzionamento, fino a che otteniamo il giusto risultato nella natura dell'Amore divino, senza accettare di cedere alla tentazione di accettare concessioni legate all'amore egocentrico, come regole giuste davanti a Dio, perché inevitabili nella logica sotto tutela.

Se oggi siamo in un periodo un po' nero, non è colpa delle generazioni in questione, poiché questi sono i tempi segnati da Dio da millenni, ma ciò non toglie in alcun modo la responsabilità individuale e collettiva di voler uscire da questo solco. Proprio come dopo il passaggio del Giordano e la sconfitta di Ai in Giosuè 7-7, Giosuè e gli anziani furono tentati di tornare indietro, dobbiamo modellarci su di loro rivolgendoci a Dio, nella volontà di pentirsi dei valori idolatrici che la nostra società accettò a torto. Gesù vuole portare la vera liberazione alle nostre nazioni e ciò inizia eliminando i ricordi errati che appartengono alle cattive sintesi della nostra logica sotto tutela, nella nostra coscienza collettiva. Spesso diamo loro un valore fondamentale, come quello di questa "peace and love", perché spesso siamo stati d'accordo con loro fin dalla nostra prima infanzia, il che li rende tanti ostacoli alla nostra fede in Cristo.

Sono queste false verità che generano gran parte dei nostri disaccordi di società, che devono essere considerati come gli inevitabili litigi della coppia, legati a questa particolare situazione di entrare in Canaan. Per questo dobbiamo voler produrre assolutamente tutto ciò che è in nostro potere, per tornare indietro dagli errori generati dalla nostra società, senza accettare di tornare al bando autoritario, per ottenere un risultato immediato, a partire da un sistema dominante e repressivo.

È solo nella perseveranza di ogni nazione cristiana, nella ricerca della volontà divina in Gesù Cristo, che l'attuale libertario carnale potrà essere sconfitto e che la vera libertà divina potrà realizzarsi nelle nostre società, purché però non si vada verso la condanna del peccatore, ma del peccato. Avendo Gesù pagato sulla Croce per ogni peccatore che si pente, se sappiamo fidarci di Lui, il nemico delle nostre anime farà sempre un'opera che lo inganna e tutto ciò che cercherà di metterci davanti, per sbarrare la nostra strada, si rivolterà contro di lui se rimaniamo sulla strada giusta e ci pentiamo di qualsiasi condanna che potremmo aver avuto nei confronti dell'altro.

Siamo nei tempi in cui non sono più solo alle parti che abbiamo chiamato XY per entrare in Canaan, ma anche alle parti XX, rimaste fino ad allora come custodi dei valori divini compiuti da Gesù sui valori di Canaan d' ieri, dunque senza la condanna del peccatore, ma del peccato.

È lo stesso con la chiesa nella società come con la moglie e il marito nella coppia, perché durante il tempo necessario affinché il marito entri nel rinnovamento dello spirito, fino alla dimensione che conviene al Signore, la chiamata divina avendo stato finora diverso nell'uomo e nella donna, le apprensioni di andare l'uno verso l'altro dovranno scomparire. Dovranno cedere il passo a una nuova fiducia reciproca nella buona volontà dell'altro per avanzare verso la volontà divina e rimanere uniti contro ogni avversità. Le tracce lasciate sulla "moglie", nella sua lotta contro le confusioni e i errori e tentativi del marito, dovranno dunque scomparire, così come le frustrazioni e le prepotenze di questo "marito", verso ciò che aveva già messo in pratica nel rinnovamento divino e che la moglie ancora rifiutava.

Per effettuare questo cambio di responsabilità, Gesù attende quindi che la moglie aspiri pienamente di dover dire "sì" a Dio al proprio cambio di modalità di fuzionamento, ma anche che il marito sia pronto a sacrificare la sua nuova libertà divinamente acquisita, allo stesso titolo che Gesù non rivendicò a un dovuto, ma accettò la morte in Croce.

Solo nel giorno in cui l'uno i l'altro saranno entrati in questo compimento reciproco, senza essere portati dalla tolleranza del peccato o dal dominio dei suoi desideri per il marito, ma dall'Amore divino ricevuto da Gesù in cielo, che Dio sarà in grado di aprire le porte al cambiamento nel modo in cui funziona la sposa. Non aspirare a questo cambiamento di modo di funzionamento per la donna e per la chiesa, nella sua complementarità nei confronti della società, equivarrebbe a preferire la Chiesa di Cristo alla Sposa di Cristo. Sarebbe allora non aspirare a ricevere il sistema emozionale della natura divina, di cui Gesù vuole fornire a ciascuno, per non dover più coprire la vecchia programmazione, in modo che ciascuno sia direttamente gradito a Dio.

Il punto di riferimento della sposa e della chiesa essendo stesso situata sulla Canaan di ieri compiuta da Gesù, e il loro complemento essendo poi in possesso del riferimento emozionale legato all'Amore divino, tutti i tentativi dello sposo saranno evitati nella loro Canaan di oggi, nel giorno di questa chiamata di Dio per esse.

Se dunque la conquista della Canaan dell'«uomo» è lunga e piena di insidie, non è così per la donna e per la chiesa, che deve solo entrare nella messe preparata per lei dal suo complemento, ma che fino a quando allora poteva solo sperare, senza crederci veramente, finché Dio non le avesse aperto la porta. Troviamo in loro il comportamento del marito di fronte al peccato, di cui non poteva pentirsi completamente, ma semplicemente essere disposto a credere, in attesa della sua vittoria.

La trappola della donna e della chiesa è posta oggi nel fatto di crederesi già arrivati, non per presunzione umana, ma al contrario per la chiamata di Dio in cui sono da millenni, senza averla realmente compresa il risultado in relazione con el Amore divino, che credono di poter scoprire solo dopo essere stati portati presso Cristo in cielo. Finché si rifiutano di credere nella capacità di Cristo di renderli simili a Lui già su questa terra, in realtà stanno combattendo contro il loro complemento, come il loro complemento lottava contro di loro, nel loro stesso interrogarsi sulla Parola di Dio.

Non solo tutti credono sinceramente di avere questo Amore divino attraverso i coefficienti in questione, ma la donna e la chiesa sono tanto più rafforzate da questa percezione, che il loro amore egocentrico include molto più in generale l'amore per i loro discendenti, che quello del loro complemento XY. Se questa peculiarità conferisce al loro amore un aspetto più vicino all'Amore divino, è però solo una lieve estensione all'amore egocentrico, la cui controparte del maggior protezionismo può portare all'omicidio per autodifesa. Anche per questo l'integrità dello Spirito Santo nell'Amore divino deve costituire la base di tutta la nostra costruzione psicologica, per renderci simili a Gesù.

I timori della donna possono così portarla a combattere contro la propria coppia, così come "la chiesa" combatte contro "la Chiesa", questa volta scritta con la "C" maiuscola. Come abbiamo già detto, queste non sono tutte le chiese, ma ognuna di esse con la parte della società attaccata ai valori del suo insegnamento, di cui le nostre società occidentali sono più o meno i loro complementi. È anche per questo che la trappola oggi sarebbe quella di imporre valori cristiani a queste società, per creare rapidamente un buon risultato apparente in ciascuna di esse, piuttosto che basarsi su questi detti valori, per perseverare nella ricerca del Amore divino per tutti nella società. Sarebbe come porre la donna o la chiesa come generale della coppia o della nazione e non usare le buone basi di queste, per SCOPRIRE questo Amore divino, per quanto lunga sia la strada.

È questo Amore divino che diventerà la base della Chiesa di Filadelfia, secondo Apocalisse 3, che sia per l'uomo e la donna o per la chiesa e la società. Per questo il gran dragone, l'antico serpente, chiamato diavolo e Satana in Apocalisse 12, non avrà l'autorità per volgersi contro di ella, poiché l'uno i l'altro che la costituiriranno avranno ricevuto la corona già su questa terra. Satana allora si rivolterà contro coloro che saranno perdonati solo dei loro peccati in Gesù Cristo e non avranno perseverato sotto la guida dello Spirito Santo come abbiamo appena visto.

Anche per questo la separazione tra chiesa e stato, è fondamentale per ottenere il buon risultato, perché se la chiesa e la società devono restare unite come lo è la coppia, per poter funzionare diversamente sugli stessi valori di base, ciascuna deve conservare la sua identità, senza deviare da ciò che Dio vuole stabilire in Sua Santità, attraverso di l'uno i del'altro senza sfociare in dittature o fondamentalismi.

È perché il nostro egocentrismo oscura il vero scopo di Dio per ciascuno di noi che combattiamo l'un l'altro piuttosto che ringraziare Dio per le nostre complementarità. Che sia nella coppia, o nelle nostre società occidentali, altrettanto la chiesa che la donna, non devono perdere la loro identità genetica, entrambe sono chiamate a dover un giorno funzionare allo stesso modo del loro complemento, da un sistema emozionale scritto anche nel'Amore divino, per gestire adeguatamente la propria coscienza. In Gesù Cristo, Dio soprattutto non vuole che l'identità genetica di ciascuno scompaia attraverso la coppia, perché è al contrario attraverso lo Spirito Santo che l'uno i l'otro possono entrare nella loro vera vocazione genetica, in una complementarità attraverso la quale ognuno può svilupparsi pienamente. Cercare di voler guardare l'uomo e la donna secondo lo stesso genere, per risolvere i problemi dei maltrattamenti o dei femminicidi, è identico a far finta de no vedere, col fine di non vedere più la nostra spiritualità carnale, piuttosto che a farla scomparire dal azione di Cristo in noi.

La teoria del genere non è quindi la soluzione per far evolvere in modo positivo la nostra coscienza collettiva, ma colui che combatterebbe contro, volendo tornare a una modalità di dominio del suo sistema emotivo, lotterebbe anche contro Dio e Gesù non potrebbe pienamente sostenerlo nelle sue giuste lotte, condotte in malo modo. Gesù ci chiama oggi a ottenere questo risultato nell'Amore divino della nostra santa terra e non che torniamo a est del Giordano o in "Peace and Love". Tutti allora potranno dare gloria a Dio, perché la perseveranza di ciascuno parteciperà allora alla ricostruzione del Tempio, non quella delle pietre, ma quella dello Spirito Santo in tutti, che sia nella coppia, nella Chiesa e nelle le Nazioni.

Su