Per contattarci, fare clic su Tèmi scientifici
Home

Per contattarci

La libertà è in Canaan

L’Effetto Boomerang

La vita nasce della conoscenza

Scopo: L'equilibrio

La transizione riuscita

Francia e Dio


Andare sul nostro blog

Leggere con musica

Altri temi spirituali

Scienza e Fede


Siti Amici

Capitolo precedente Home page del libretto Capitolo seguente

LA TRANSIZIONE RIUSCITA


3 – L’evoluzione nel deserto


Se il passaggio nel deserto è un cammino inevitabile, è perché è lì per insegnarci ad avere fiducia nella percezione dello Spirito Santo dal nostro "cuore", in ogni momento, in ogni luogo e in ogni circostanza, nella nostra vecchia modalità di fuzionamento, che corrisponde al deserto dell'Amore divino, come riferimento affettivo che produce tutte le forme di azione. Questa avanzata nel deserto si fa poi in comunione con lo Spirito Santo che porta una guida da seguire passo passo, paragonabile alla guida che seguivano gli Ebrei nel deserto, dalla colonna di fuoco di notte e di fumo di giorno, come noi, l'ho appena sottolineato. Questa educazione a percepire e discernere adeguatamente lo Spirito Santo nel nostro "cuore" è tanto più essenziale, in quanto la logica iniziale sotto tutela, aveva come prima vocazione di mantenerci sui valori approssimativi della nostra genetica e un interesse secondario di conducirci a Dio, mentre lo Spirito Santo è nell'effetto opposto. Ci è dato per condurci verso una vera comunione con Dio e per guidare le nostre aspirazioni del cuore al rispetto della Parola di Dio e quindi della nostra genetica. Se così possiamo percepire più facilmente la guida dello Spirito Santo, rispetto a quella della vecchia logica, è perché essendo di natura divina, lo Spirito Santo intensifica notevolmente la nostra capacità di isolare l'emozione che Egli rappresenta come Guida, tra tutte le emozioni provate a livello del cuore, provenienti dalle altre parti del nostro sistema emozionale. Per questo ci è possibile seguirlo con grande precisione, che sia individualmente o collettivamente. Tuttavia, è fondamentale tener conto del fatto che lo Spirito Santo non è mai colui che compie l'azione da solo. Sia nelle nostre reazioni riflesse o seguendo le nostre stesse analisi, cerca certamente di coinvolgerci nel miglior modo possibile, ma le altre parti del nostro sistema emotivo hanno facilmente la precedenza su di lui, sebbene sia la terza persona di Dio.

È quindi importante guardare un po' più precisamente alla costruzione della base emozionale che è all'origine di ogni trasformazione dell'emozione in azione nell'umano, se vogliamo estrarne la giusta analisi ed evitare di mettere a tacere il Spirito Santo in noi, quando Gli  cerca à guidarci ad agire mediante la fede.

È certamente impossibile per noi affermare che la logica spirituale egocentrica dello spirito, che già investiva i nostri antenati, è procurata divinamente o geneticamente a tutti gli esseri umani, ma è inizializzata dallo stato embrionale nei neuroni che circondano il cuore, per prima impattano sul cervello primario e assicurano la sopravvivenza vegetativa dell'individuo. La parte emozionale che stiamo guardando e su cui lo Spirito Santo vuole renderci vittoriosi, avviene pochi mesi dopo la procreazione, durante il periodo fetale, durante il quale la logica globale contenuta nel "cuore", genera una personalizzazione dell'sistema emozione / reazione di questo futuro umano, col fine di provvedere alla sua capacità di azione. È attraverso l'impatto delle emozioni prodotte da questa logica della mente nel "cuore" del feto, che secondo la sua percezione del contesto circostante, la riflessione sulla sua genetica imprime nel suo cervello una volontà di agire e alla nascita lo dota di una base stereotipata delle azioni programmate. Questo è anche il motivo per cui questa base diventa rappresentativa sia della logica dello spirito iniziale che della genetica del soggetto e fornisce al cervello umano anche quella che biblicamente viene chiamata mente o spirito.

Capitolo seguente Su

La personalizzazione di questa logica della mente così creata nel cervello, agisce quindi come il controllo parentale effettuato su qualsiasi file informatico, utilizzato dai computer o dai telefoni dei nostri figli. Anche per questo, secondo la nostra genetica e il vissuto di nostra madre, i limiti da non oltrepassare non sono interpretati allo stesso modo da tutti, di cui parleremo ancora. Ogni elemento emozionale che finalizza un'emozione in atto, diventa poi quella che potremmo considerare come una firma informatica, dell'appartenenza a questo tutor e ogni sentimento derivante dall'apprendimento dell'infanzia, che arriva a perfezionare questo primo sistema, è costruito sull'estensione e in la stessa natura di questo, prima di essere programmato per il periodo dell'adolescenza. Qualunque sia l'impatto che lo Spirito Santo può avere sulla nostra educazione, il nostro sistema emozionale tiene conto dei nostri sentimenti per produrre una maggiore precisione dell'azione risultante, ma non può cambiarne la natura. Qualsiasi apprendimento fin dall'infanzia influenza quindi la programmazione dell'adolescenza verso una messa in pratica della volontà divina, secondo l'apprendimento ricevuto, ma dato che da sempre, tutti i sentimenti sono lì per influenzare la mente in un modo riconosciuto come buono dal soggetto e per non riscriverne la natura, nulla può cambiare, né questa natura, né la firma di questa struttura emozionale.

Dopo la programmazione dei sentimenti nell'adolescenza, l'instaurazione di questo sistema, che è l'unico in grado di produrre un'azione nell'umano, termina intorno all'età di 25-26 anni e nessun accesso ci consente più di modificarne la struttura. Tutto il nostro sistema "emozione/reazione" è dunque scritto nella natura della logica ricompensa/punizione, qualunque sia stata l'influenza dei precetti divini ricevuti da ciascuno.

Solo il nostro QE (quoziente emozionale) che corrisponde a quello che la Bibbia chiama padronanza di sé o el autocontrollo, ci permette di variare l'intensità emotiva, in modo da permettere la selezione della mente e dei sentimenti nel cervello e produrre l'azione risultante, secondo un'intensità che riteniamo giusto. La risposta di un sorriso potrebbe ad esempio essere prodotta su una scala variabile di esuberanza ed è quindi la moltitudine di programmazioni nei neuroni dei nostri due principali centri emozionali, gestiti da questo QE, che ci dà l'impressione di poter modificare questi azioni programmate, quando solo Gesù ha il diritto di riscriverle, grazie all'adempimento della legge che gli ha conferito autorità su Satana.

Quello che è importante tenere in considerazione è la differenza fondamentale tra noi e Gesù, quando era ancora sulla terra, perché mentre la sua genetica era al cento per cento identica alla nostra, il suo sistema emozionale era al cento per cento diverso. Il fatto che fosse nato di Spirito Santo dal seno di Maria, sua madre, e che non avesse mai dato ragione alla tentazione di Satana, faceva sì che ogni azione risultante, programmata nel suo sistema emozionale, fosse scritta nell'Amore divino e non sui valori egocentrici della logica ricompensa/punizione, come nel nostro caso. Per questo è chiamato Figlio di Dio e vuole battezzarci con il suo Spirito Santo, per renderci "a termine" perfettamente simili a lui se vogliamo seguirlo, come svilupperemo nei prossimi paragrafi.

Se ogni peccatore che si penti in Gesù Cristo eredita la vita eterna, come il ladrone sulla croce, lo Spirito Santo è dato a coloro che vogliono seguire Gesù e perseverare nelle sue vie, per consentirgli di conservare con sicurezza la vita eterna, mediante la uso del miglior sentimento iniziale possibile, nonostante il deserto dell'Amore divino nei suoi sentimenti iniziali. Per questo, dal momento in cui gli affidiamo tutta la nostra vita per non peccare più e per rimanere conformi ai suoi precetti d'Amore, Egli può battezzarci con il suo Santo Spirito nel nostro "cuore", per inizializzare il nostro sistema emozionale verso un inizio di conformità con la nostra coscienza, essa stessa di natura divina fin da Adamo ed Eva.

Tuttavia, non si tratta di entrare in religione, ma di imparare a lasciarci guidare da Dio in Gesù Cristo, qualunque sia la nostra chiamata nella chiesa o nella società, perché è la nostra comunione con lo Spirito Santo che ci rende figli di Dio e non la nostra posizione nella chiesa. Qualunque sia la nostra vocazione, questa presa in carico di Gesù in cielo ci libera dalla sorveglianza del nemico delle nostre anime, come prese da un'altra staffetta a Dio, che copre i cattivi fini delle azioni dei nostri sentimenti iniziali. Questa copertura può essere fatta solo attraverso tutta la nostra volontà di usare il nostro libero arbitrio, nel rispetto volontario della parola di Dio e quindi di quella della nostra genetica. È per questo che il battesimo in acqua è un impegno per Cristo, di una buona coscienza davanti a Dio, e permette a Cristo di subentrare all'antica tutela.

In questo periodo nel "deserto" imparare ad usare questo libero arbitrio è quindi fondamentale, poiché per qualsiasi trasformazione dell'emozione in azione, lo Spirito Santo rimane dipendente dalla parte programmata del nostro vecchio sistema emozionale nel nostro cervello, non rispondendo perfettamente a l'obiettivo finale della nostra coscienza, nonostante tutta la sincerità con cui cerchiamo di usarlo.

Questa migliore scelta dei sentimenti è infatti il ​​vero punto di partenza della vocazione di Cristo in noi, ma soprattutto non è la meta finale. Per questo dobbiamo essere consapevoli che il nostro sistema emozionale avrebbe potuto essere costruito quanto più vicino alla natura divina, fino a quando "l'aggiornamento dello Spirito Santo" nei nostri cuori non sarà "installato" correttamente nel nostro cervello, qualsiasi azione da parte nostra eventualmente somiglierà a fraintendere ad un'azione di natura divina, ma non per questo nella natura divina.

Se in questo tempo nel deserto, Gesù copre quindi ogni finalità affettiva producendo un'azione programmata secondo la vecchia logica, ciò mostra chiaramente che il peccato non è solo furto, omicidio e molti altri atteggiamenti drammatici per el umano, ma tutto questo deserto privo di Amore divino in ogni neurone del nostro cervello. Eppure è in questo deserto che lo Spirito Santo ci conduce con Amore, se vogliamo seguirlo, come fece il Signore per gli Ebrei quando uscirono dall'Egitto, presso la colonna di fuoco di notte e di fumo di giorno, ma viene un giorno in cui vuole farci uscire da questo deserto e sta a noi dirgli: “Sì, Signore, lo voglio! "

Su Su